Fai il giro del mondo

 Sabato 25 gennaio 2020 - Conversione di San Paolo - Vangelo di Gesù Cristo secondo San Marco 16, 15-18 - Lodate il Signore, tutti i popoli;  festeggiarlo, tutti i paesi!  Il suo amore per noi è stato mostrato il più forte;  eterna è la fedeltà del Signore!

Leggi tutto...

Papa Francesco ha sottolineato che i giovani adulti devono imitare la fedeltà nel matrimonio che gli anziani ci testimoniano. Non solo fedeltà nel matrimonio, ma anche pazienza nella preghiera e nella relazione con Dio. Continuazione del catechismo di Papa Francesco sul valore degli anziani in famiglia, con P. Justolat Rafaralahimboa.

0 : 00

Sono stato molto colpito dalla “Giornata per gli anziani” che abbiamo fatto qui in Piazza San Pietro" lo scorso anno, la piazza era piena. Ho ascoltato storie di anziani che si spendono per gli altri, e anche storie di coppie di sposi, che dicevano: “Facciamo il 50.mo di matrimonio, facciamo il 60.mo di matrimonio”. È importante farlo vedere ai giovani che si stancano presto; è importante la testimonianza degli anziani nella fedeltà. E in questa piazza erano tanti quel giorno. E’ una riflessione da continuare, in ambito sia ecclesiale che civile.

Il Vangelo ci viene incontro con un’immagine molto bella commovente e incoraggiante. E’ l’immagine di Simeone e di Anna, dei quali ci parla il vangelo dell’infanzia di Gesù composto da san Luca. Erano certamente anziani, il “vecchio” Simeone e la “profetessa” Anna che aveva 84 anni. Non nascondeva l’età questa donna. Il Vangelo dice che aspettavano la venuta di Dio ogni giorno, con grande fedeltà, da lunghi anni. Volevano proprio vederlo quel giorno, coglierne i segni, intuirne l’inizio. Forse erano anche un po’ rassegnati, ormai, a morire prima: quella lunga attesa continuava però a occupare tutta la loro vita, non avevano impegni più importanti di questo: aspettare il Signore e pregare. Ebbene, quando Maria e Giuseppe giunsero al tempio per adempiere le disposizioni della Legge, Simeone e Anna si mossero di slancio, animati dallo Spirito Santo (cfr Lc 2,27).

Continuazione dell'udienza generale di Papa Francesco, 11 marzo 2015.