Restate svegli e pregate in ogni momento...

Sabato 28 novembre 2020 — 34a settimana del tempo ordinario — Vangelo di Gesù Cristo secondo San Luca 21, 34-36 — Rimanete svegli e pregate in ogni momento: così potrete stare davanti al Figlio dell'uomo.

Leggi tutto...

27 ottobre — Emeline era una santa donna che è entrata all'ordine cistercense a Boulancourt nella diocesi di Troyes in Champagne. Ha vissuto lì nel 12° secolo. Questo monastero era molto popolare all'epoca.

0 : 00

Era contemporanea a Santa Ascelina e al Beato Gossuin i quali dipendevano dallo stesso monastero cistercense. Questo monastero passò all'ordine di Citeaux nel 1147 su richiesta del vescovo di Troyes, Enrico di Carinzia e quando arrivarono i cistercensi, Emeline era già attiva come sorella conversa nella stalla di Perthes Sèches, vicino a Yèvres-le-petit. Emeline non è mai stata una sorella cistercense ma solo una conversa che vive secondo la regola cistercense e molto altro ancora: con grande penitenza, mangiava solo tre volte a settimana, andava scalza d'estate e d'inverno, portava il cilicio, cantava salmi e pregava tutto il giorno; aveva doni di profezia che fecero correre l'intera regione a consultarla. Morta nel 1178, fu sepolta sotto l'altare del Convento delle Dame, annesso all'abbazia di Boulancourt, e fu posta una fiamma costantemente splendente. Poi, quando la cappella fu distrutta, i suoi resti furono trasferiti, insieme a quelli di Saint Asceline e Saint Gossuin, nella chiesa di Boulancourt. Niente rimane di questi resti oggi.