Se il Figlio vi rende liberi...

Mercoledì 1 aprile 2020 - Quinta settimana di Quaresima - Vangelo di Gesù Cristo secondo San Giovanni 8, 31-42 - Beati coloro che hanno ascoltato la Parola in un cuore buono e generoso, che la conservano e portano frutto con la loro perseveranza.

Leggi tutto...

Martedì 25 febbraio 2020 - Settima settimana del tempo ordinario - Vangelo di Gesù Cristo secondo San Marco 9, 30-37 - Possa la croce del Signore essere il mio unico orgoglio! Attraverso di essa, il mondo è crocifisso per me e io per il mondo.

0 : 00

Gesù annuncia esplicitamente la sua passione, morte e risurrezione, ma conta poco per i discepoli che sono ancora troppo impegnati a discutere chi sarà il più grande tra loro.

Gesù pone le condizioni per entrare nel regno dei cieli: essere come un bambino. Il bambino che come sappiamo ha poca o quasi nessuna conoscenza, ma d'altra parte ha molto tempo per imparare. Agli occhi di Gesù essere grandi è essere umili. È la virtù che ci apre il regno dei cieli.

Lascia che chi vuole essere grande accetti di essere piccolo come un bambino. Non si tratta di essere infantili ma di essere franchi e sinceri senza duplicazioni. Il più grande non è colui che ha il potere, né colui che ha la conoscenza, e ancor meno colui che ha la ricchezza, ma colui che vive in tutta umiltà e che sa di essere un peccatore agli occhi di Dio e torna costantemente alla sua misericordia.

Se vogliamo davvero essere grandi, dobbiamo servire con un cuore puro, senza mai cercare di trarne vantaggio. La nostra capacità di accogliere tutti senza alcuna discriminazione è il segno della nostra umiltà e della nostra autentica relazione con Dio.