30 novembre — Andrea è nato a Betsaida, in Galilea, sulle rive del lago di Tiberiade. Con suo fratello Simone, era un pescatore. Alla ricerca di Dio, era stato prima un discepolo del predicatore Giovanni Battista, che lo aveva certamente battezzato.

0 : 00

Quando Giovanni Battista indicò Gesù Cristo dicendo: "Ecco l'Agnello di Dio, l'Agnello di Dio che prevale sui peccati del mondo" (Gv 1, 29-40), lo seguì e non lo lasciò. Fu così il primo discepolo chiamato da Gesù Cristo. Per questo la tradizione ecclesiastica gli dà il titolo di Protocleto o "Primo chiamato dal Signore". Andrea spesso fungeva da intermediario. In particolare presentò suo fratello Simone a Gesù; poi, durante l'episodio della moltiplicazione, portò il fanciullo con i cinque pani e i due pesci; quando i greci vollero incontrare Gesù, fu di nuovo a lui che si indirizzarono.

Dopo la Pentecoste iniziò a predicare il Vangelo in un lungo viaggio intorno alle rive del Mar Nero. Secondo la tradizione ecclesiale, i suoi viaggi lo portarono in Mesopotamia, Bitinia (costa anatolica), Efeso, Tracia marittima (regione tra il Bosforo e Capo Kaliakra), Scizia Minore (da Tomis alle foci del Danubio), in Crimea, Bisanzio e infine in Acaia (regione a nord del Peloponneso), dove finì crocifisso sotto l'imperatore Nerone, a Patrasso nell'anno 60.

La leggenda aurea ricorda che il suo calvario fu ordinato dal proconsole locale, la cui moglie si era convertita, e che gli offrì la seguente alternativa: sacrificare agli dei romani o morire sulla croce. Scelto il martirio, l'apostolo sopravvisse due giorni, durante i quali predicò alla folla, che si indignò e minacciò di morte il proconsole. Quest'ultimo quindi ordinò che fosse deposto dalla croce, ma non poté essere liberato e il santo morì avvolto da una grande luce.

Giustizia per lo sviluppo dei deboli

Seguite in video gli auguri di Sua Eminenza il Cardinale Tsarahazana Mons. Désiré. "Se vogliamo essere felici, dobbiamo promuovere la giustizia", ha detto monsignor Désiré Tsarahazana durante la presentazione degli auguri per il popolo malgascio. Dio ci ama tutti senza discriminazioni, ecco perché dobbiamo rispettarci a vicenda, aiutare e proteggere i deboli.

Leggi tutto...

Quali salesiani?

Dal 16 Febbraio al 04 aprile 2020, la Congregazione salesiana terrà il Capitolo Generale 28° (CG 28) a Torino-Valdocco. Questo Capitolo presenta due interessanti novità: Il ritorno a Valdocco, a 62 anni dall’ultimo che si svolse presso la Casa Madre dei Salesiani, (il CG18) e soprattutto l’approccio e un  Capitolo Generale che prende il titolo da una domanda « Quali salesiani per i giovani di oggi? »

Leggi tutto...

Animati dalla speranza

Il 29 dicembre è stato pubblicato in cinque lingue il commento ufficiale del Rettor Maggiore, Don Ángel Fernández Artime, sulla Strenna 2021 "Animati dalla speranza: "Ecco, io faccio nuove tutte le cose" (Ap 21,5) lingue: italiano, inglese, spagnolo, portoghese e francese.

Leggi tutto...