Don Luca Treglia

Direttore della Radio dal 1996 al 1998,
poi dal 2006 al 2015.

Don Cosimo Alvati

Direttore della Radio dal 1998 al 2006.

Don Franck Randriamiandrinirinarivo

Direttore della Radio dal 2015.

Radio Don Bosco

Plus je l'écoute, plus je l'aime

previous arrow
next arrow
Slider

02 dicembre - Viviana, o Bibiana, è nata a Roma. La sua famiglia è nota per la sua cristianità e nobiltà. Flaviano era suo padre, prefetto di Roma, e Giuliano lo fece incarcerare per essersi convertito al cristianesimo. Esiliato in Toscana, vi morì.

0 : 00

Viviana, sua sorella Dimitri e la loro madre, Dafrose, rimasero a Roma e furono torturate: rinchiuse e ridotte alla fame nella loro stessa casa. Tuttavia, questo non durò a lungo, poiché tagliarono la testa di Dafrose e saccheggiarono tutti i loro beni. Non contenti di ciò, torturarono di nuovo Viviana e Dimitri. Le due sorelle erano affamate, furono assicurate alla giustizia; e il giudice disse loro: "Temete questa morte orribile e vergognosa". Ma replicarono: "Non siamo attratte dalle ricchezze di questo mondo. Vogliamo avere Cristo. È meglio morire che indietreggiare". Uccisero la sorella di Viviana ai suoi piedi, ma per lei la sofferenza continuo’. Fu condotta davanti a una donna di meschine virtù: accarezzata, picchiata, minacciata, insultata, Viviana ha sopportato tutto questo con grande coraggio nonostante le tante tentazioni. Rimase pura per essere degna del suo sposo celeste. La donna, stanca, disse al giudice che stava perdendo tempo. Furioso per il fallimento, il giudice ha ordinato di picchiare Viviana. Legata a una colonna, fu frustata con un “gatto a nove code” fino alla morte, il 2 dicembre 362. Il suo corpo fu scaricato per essere mangiato dai cani. Ma come dicono le Scritture: "Dio custodisca le spoglie dei suoi santi", due giorni dopo, due valorosi sacerdoti presero il corpo di Viviana e lo seppellirono accanto alla madre e alla sorella.

Giustizia per lo sviluppo dei deboli

Seguite in video gli auguri di Sua Eminenza il Cardinale Tsarahazana Mons. Désiré. "Se vogliamo essere felici, dobbiamo promuovere la giustizia", ha detto monsignor Désiré Tsarahazana durante la presentazione degli auguri per il popolo malgascio. Dio ci ama tutti senza discriminazioni, ecco perché dobbiamo rispettarci a vicenda, aiutare e proteggere i deboli.

Leggi tutto...

Quali salesiani?

Dal 16 Febbraio al 04 aprile 2020, la Congregazione salesiana terrà il Capitolo Generale 28° (CG 28) a Torino-Valdocco. Questo Capitolo presenta due interessanti novità: Il ritorno a Valdocco, a 62 anni dall’ultimo che si svolse presso la Casa Madre dei Salesiani, (il CG18) e soprattutto l’approccio e un  Capitolo Generale che prende il titolo da una domanda « Quali salesiani per i giovani di oggi? »

Leggi tutto...

Animati dalla speranza

Il 29 dicembre è stato pubblicato in cinque lingue il commento ufficiale del Rettor Maggiore, Don Ángel Fernández Artime, sulla Strenna 2021 "Animati dalla speranza: "Ecco, io faccio nuove tutte le cose" (Ap 21,5) lingue: italiano, inglese, spagnolo, portoghese e francese.

Leggi tutto...