Originario di una famiglia romana, fu chiamato Lucio come suo padre, ma cambiò il nome in Lucien durante una predicazione di San Pietro. Ha quindi viaggiato in Italia per predicare.

Vittima di persecuzioni durante il suo soggiorno a Parma, fu imprigionato e fuggì la stessa sera.

Intorno al 250 fu ordinato vescovo dal papa che lo mandò in Gallia con San Denis e San Rieul.

 

Ha viaggiato in Francia e si è stabilito a Cesaromago, l'attuale Beauvais.

 

Le sue virtù, le sue azioni dovute alla sua carica e i miracoli che avrebbe compiuto nella regione avrebbero contribuito alla conversione di quasi 30.000 uomini.

 

Intorno al 290, l'imperatore Diocleziano contrario al cristianesimo manda Latino, Jarius e Antor a uccidere Lucien che, avvertito del pericolo, si rifugia con i suoi due compagni Maxien e Julien a Montmille. Trovato dai romani, i suoi compagni vengono decapitati, Lucien viene picchiato con delle verghe e infine decapitato. Il probabile luogo del martirio si chiama Rosière.

 

Dopo la sua morte, il corpo di Lucien sarebbe stato "circondato dalla luce" e i presenti avrebbero sentito "Coraggio, servitore buono e fedele, tu che non hai avuto paura di versare il tuo sangue per me, vieni a ricevere la corona che ti è stata promessa ". Quindi Lucien si alzò, prese la testa e si diresse verso Beauvais. Si fermò vicino alla città dove fu sepolto il suo corpo e dove fu in seguito costruita l'Abbazia di Saint-Lucien. È uno dei santi cefalofori.

 

L'esistenza delle sue reliquie è incerta: in effetti una parte fu distrutta da un incendio nel 1793. Ma un'altra parte dei suoi resti potrebbe essere a Notre-Dame du Thil a Beauvais, a seguito di una traslazione fatta prima dell'incendio provocato dai rivoluzionari.

 

Il suo motto è: "Credo di cuore e confesso con la bocca che Gesù Cristo è il figlio di Dio".

 

Giustizia per lo sviluppo dei deboli

Seguite in video gli auguri di Sua Eminenza il Cardinale Tsarahazana Mons. Désiré. "Se vogliamo essere felici, dobbiamo promuovere la giustizia", ha detto monsignor Désiré Tsarahazana durante la presentazione degli auguri per il popolo malgascio. Dio ci ama tutti senza discriminazioni, ecco perché dobbiamo rispettarci a vicenda, aiutare e proteggere i deboli.

Leggi tutto...

Quali salesiani?

Dal 16 Febbraio al 04 aprile 2020, la Congregazione salesiana terrà il Capitolo Generale 28° (CG 28) a Torino-Valdocco. Questo Capitolo presenta due interessanti novità: Il ritorno a Valdocco, a 62 anni dall’ultimo che si svolse presso la Casa Madre dei Salesiani, (il CG18) e soprattutto l’approccio e un  Capitolo Generale che prende il titolo da una domanda « Quali salesiani per i giovani di oggi? »

Leggi tutto...

Animati dalla speranza

Il 29 dicembre è stato pubblicato in cinque lingue il commento ufficiale del Rettor Maggiore, Don Ángel Fernández Artime, sulla Strenna 2021 "Animati dalla speranza: "Ecco, io faccio nuove tutte le cose" (Ap 21,5) lingue: italiano, inglese, spagnolo, portoghese e francese.

Leggi tutto...